Vini vegani, consigli per riconoscerli

vini vegani

Oltre a ciò che si mangia è importante selezionare anche ciò che si beve. Vediamo come trovare vini vegani per brindisi cruelty free.

Vini vegani e alimentazione cruelty free

Il popolo vegan cresce di giorno in giorno: sono sempre di più le persone che per ragioni di etica, ecologia o salute scelgono di eliminare dal loro piatto tutti i prodotti di origine animale.

Chi opta per un’alimentazione vegana smette di mangiare:
– carne, salumi e insaccati;
– pesce;
– latte e latticini (burro, panna, yogurt, gelato, formaggi);
– uova;
– miele.

Non solo: chi aderisce al veganismo al 100% rifiuta ogni forma di sfruttamento e, dunque, evita anche di utilizzare abbigliamento, accessori, detergenti e cosmetici che contengano derivati di origine animale.

Se ormai gran parte dei ristoranti e bistrot si sono adeguati e presentano nel menù qualche proposta di piatti vegani, non è così semplice reperire, invece, i vini vegani.

Il vino, in teoria, dovrebbe essere sempre vegano in quanto derivante dall’uva che è un frutto, ma, purtroppo, non è affatto così.
La maggior parte dei vini viene filtrato con chiarificanti di origine animale come albumina d’uovo, colla di pesce, caseina, gelatina.

Purtroppo molti ristoratori, sommelier o venditori non sono adeguatamente preparati e non sanno fornire queste informazioni ai clienti.


Come riconoscere i vini vegani

Ad oggi in Italia non esiste una normativa che renda obbligatorio il marchio “Vegan” sui vini e, dunque, riconoscere i vini vegani per il consumatore è alquanto difficile. Come fare allora? Rinunciare ad un buon bicchiere di vino con gli amici? Certo che no!

Molti viticoltori che usano solo chiarificanti vegetali, per fortuna, ci tengono a sottolinearlo e lo riportano in modo chiaro in etichetta aiutando, così, vegetariani e vegani.

Inoltre un valido aiuto, per chi segue un’alimentazione vegana, per orientarsi nel variegato mondo di vini e alcolici è il sito http://www.barnivore.com che riporta in modo chiaro quali sono i vini vegani e anche le birre e i liquori che non impiegano alcun tipo di prodotto animale.

Un altro metodo di controllo di cui il consumatore può usufruire è costituito dal marchio Qualità Vegetariana Vegan che l’Associazione Vegetariana Italiana (AVI) rilascia solo ad aziende e imprese che soddisfano determinati requisiti in tutte le fasi della produzione e del confezionamento.
Insomma, per i vegani amanti del vino, reperire vini vegani in Italia richiede ancora un po’ di sforzo ma ne vale la pena per potersi godere allegri brindisi cruelty free.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.