Vignarola: un piatto vegano presente da sempre sulle tavole italiane

vignarola

Oggi proponiamo una ricetta tipica della tradizione contadina: la vignarola. Un piatto genuino, semplice e velocissimo da preparare.

Vignarola: tradizione e stagionalità trionfano in tavola

Chi sostiene che l’alimentazione vegana sia una “moda new age”, sbaglia di grosso. La cucina mediterranea, la cucina tradizionale italiana, è da sempre ricchissima di pietanze vegane. Semplicemente, negli anni passati, non venivano definite “vegane”. Questi piatti sono sempre stati gustati con piacere da tutti perché buoni e gustosi oltreché sani.

Il nostro Paese, grazie alla sua posizione, alla tipologia di terreno e al clima favorevole, da sempre abbonda di frutta e verdura. E nel passato i contadini si nutrivano principalmente dei prodotti del loro orto.

Oggi proponiamo una pietanza presente da secoli sulle tavole dei contadini di Roma e dintorni: la vignarola.

La Vignarola è un piatto tipico della tradizione laziale.
Il suo nome deriva da “vignarolo” che, nel dialetto del posto, significa “ortolano”. Questo piatto, infatti, si realizza con gli ortaggi di stagione. E’ un piatto povero, appartenente alla cucina contadina: i contadini si nutrivano in base a ciò che la natura offriva loro di stagione in stagione.

In questo periodo si possono utilizzare le fave, i piselli, i carciofi e le taccole.
Può essere servita come ricco contorno oppure come piatto unico accompagnata a cubetti di tofu oppure a semplice riso in bianco.

Ricetta della Vignarola

Ingredienti per 4 persone
300 gr di fave fresche
2 carciofi
200 gr di taccole
200 gr di piselli freschi
100 gr di lattuga
2 cipollotti
2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
sale
pepe
menta

Preparazione
Per prima cosa pulire le fave e i piselli eliminando le rispettive bucce.
Dopodiché farli sbollentare per 5 minuti in acqua bollente e salata.
Nel frattempo tagliare a rondelle i cipollotti e a pezzi grossolani la lattuga. Pulire i carciofi eliminando le foglie più dure e le spine e tagliare a pezzi di circa 2 cm le taccole.
In una padella versare due cucchiai di olio extra vergine di oliva. Unire il cipollotto, la lattuga, i carciofi e le taccole. Quando le verdure iniziano a soffriggere, aggiungere un bicchiere di acqua e lasciar andare a fuoco lento per 10 minuti.
Scolare le fave e i piselli e unirli alle altre verdure nella padella.
Lasciar cuocere ancora 5 minuti. Salare e pepare a piacere. Cospargere con un trito di menta fresca.
La vostra vignarola è pronta!

Un piatto velocissimo, semplice e molto sano. Questa deliziosa pietanza della tradizione è ricchissima di vitamine e minerali, sostanze fondamentali per il benessere di mente e corpo.

Inoltre piselli e fave sono una buona fonte di proteine vegetali. I carciofi, invece, possiedono spiccate proprietà depurative e diuretiche.
Si tratta, inoltre, di un piatto completamente gluten free e, dunque, perfetto anche per i celiaci e gli intolleranti al glutine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.