Candida: cause e rimedi del disturbo più frequente tra le donne

candida

Insieme alla Professoressa Graziottin scopriamo cos’è la candida, cosa ne provoca l’insorgenza e come prevenirla e curarla.

Candida: che cos’è

Il 28%delle donne con  meno di 20 anni soffre di vaginite da candida.

E’ stato stimato che il 75% delle donne ha avuto almeno un’infezione da candida nella vita.

E il 40% delle donne ha avuto recidive a distanza di 6 mesi/1 anno.
Si tratta di un disturbo molto frequente tra le donne in età fertile che ha ripercussioni spiacevoli sulla salute e sulla vita sessuale.

Come spiega la Prof.ssa Alessandra Graziottin, specialista in Ginecologia, Ostetricia e Oncologia la candida è un fungo che vive nell’intestino.

Ne esistono diversi ceppi, il più comune è la  Albicans.

Candida Prof.ssa Alessandra Graziottin

Prof.ssa Alessandra Graziottin

Finché resta” dormiente”, nessun problema ma quando viene risvegliata da reazioni immunitarie o  quando  le difese immunitarie si abbassano, allora si scatena e ci aggredisce.

Se si ripete la situazione diventa ancor più grave in quanto determina una iper reattività del nostro organismo che, per auto proteggersi, produrrà degli “scavatori biologici” che modificheranno la struttura della vagina portando in superficie le fibre sensoriali e rendendo l’organo iper sensibile a tutto.

Cause della candida

L’aggressività di questo fungo si verifica quando c’è un’alterazione del probiota intestinale.

Uno stile di vita poco sano è la prima ragione.

Ecco alcune delle principali cause che ne provocano l’insorgenza.

– Diabete: la candida è un fungo e come tutti i funghi si nutre di zuccheri.

– Sovrappeso: i chili di troppo producono un ormone, l’Estrone, che, a sua volta, stimola la produzione di molecole infiammatorie.

– Alimentazione ricca di glucosio.

– Uso improprio di antibiotici: gli antibiotici devastano il microbiota intestinale.

– Indumenti sintetici e troppo aderenti che non permettono una corretta traspirazione.

– Microtraumi e microlesioni legate anche a sfregamento da rapporti sessuali dolorosi.

– Rapporti sessuali non protetti con partner affetti da candida

Sintomi e segnali della candida

I sintomi sono piuttosto evidenti e ben riconoscibili:

– prurito insistente

– perdite biancastre dalla consistenza lattiginosa, stile “ricotta”

– bruciore a urinare

– bruciore durante i rapporti sessuali

– arrossamento e gonfiore vaginale

Come guarire dalla candida

Per prima cosa è importante specificare, come precisa la Prof.ssa Graziottin, che della candida  non ci si “libera” perché abita nel nostro organismo. Deve semplicemente restare dormiente e non svegliarsi e aggredirci.

Per prevenire e contrastare l’insorgenza dell’infezione è importante adottare alcuni accorgimenti:

– Perdere i kg di troppo

– Limitare fortemente l’assunzione di glucosio

– Tenere sotto controllo i livelli di glicemia nel sangue

– Fare movimento fisico che aiuta ad abbassare la glicemia

– Utilizzare gli antibiotici con estrema prudenza

– Assumere fermenti probiotici per tenere in buona salute la flora batterica

– Non indossare indumenti sintetici e attillati

– Evitare microtraumi e microabrasioni: nel caso di rapporti sessuali dolorosi utilizzare lubrificanti

– Fare esercizi per rilassare i muscoli pelvici: in tal modo si preverranno microabrasioni

Come sempre uno stile di vita sano, alimentazione  equilibrata e regolare esercizio fisico, rappresentano la migliore forma di prevenzione.

Strategie per curare la candida con la Prof.ssa Graziottin

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.