L’importanza della Vitamina D3

Vitamina D3

La vitamina D3 è la forma di vitamina D più utile all’organismo umano. La sua carenza può portare a seri danni per la salute.

Vitamina D: cos’è e a cosa serve

La Vitamina D è una vitamina liposolubile (ovvero che necessita dell’assunzione di grassi per essere assimilata) composta da D1, D2, D3, D4.
E’ essenziale per il benessere delle ossa e dell’intero organismo. Favorisce l’assorbimento intestinale del calcio dagli alimenti, il riassorbimento del calcio e del fosforo a livello renale e il deposito di calcio nelle ossa.


La scoperta dell’importanza della vitamina D per la formazione e il mantenimento della struttura ossea risale al secolo scorso quando si osservò che i bambini affetti da rachitismo miglioravano notevolmente se esposti regolarmente alla luce del sole.

La Vitamina D3

Per il nostro organismo la forma di vitamina D più utile è la vitamina D3, o Colecalciferolo.
Per una corretta assimilazione di D3 e, quindi, per il benessere delle nostra ossa, è necessaria una corretta alimentazione e un quotidiana esposizione al sole.

Purtroppo non sempre riusciamo a prendere una quantità sufficiente di luce solare. Per questo nei mesi estivi, quando è più comune passare le giornate all’aperto, il nostro organismo produce più D3 e la accumula per superare il periodo invernale.

Tuttavia queste riserve non bastano a proteggerci da carenze e una sana nutrizione resta sempre imprescindibile per assicurarsi la giusta dose di vitamina D3.

Fabbisogno di vitamina D3

Il fabbisogno varia a seconda dell’età e delle condizioni di salute.
Un adulto senza particolari problemi ha bisogno di 10 microgrammi al giorno.
Donne in gravidanza, bambini sopra i 12 mesi, adolescenti e anziani sopra i 70 anni necessitano di 15 microgrammi giornalieri.

Rischi di carenza o sovradosaggio di vitamina D3

La giusta quantità di vitamina D3 nel sangue è 30-100 mg/ml
Quantità più basse possono portare a rachitismo nei bambini e osteomalacia negli adulti: le ossa s’indeboliscono e possono arrivare a deformarsi.

Altre spiacevoli conseguenze della carenza di D3 sono stanchezza cronica, debolezza muscolare e depressione.

Anche l’ipervitaminosi è pericolosa in quanto la vitamina D3 è liposolubile e non idrosolubile, pertanto l’eccesso non viene espulso attraverso le urine ma si creano accumuli nell’organismo che possono generare calcoli renali, calcificazioni intorno agli organi, ipertensione, nausea e diarrea persistenti.

In caso di carenza di questa vitamina, suggeriamo di rivolgersi ad un medico esperto per ricevere supporto per un percorso di integrazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *