Diagnosi oncologica precoce: individuare i tumori in anticipo

diagnosi oncologica precoce

Dalla Francia arrivano novità rivoluzionarie nel campo della diagnosi oncologica precoce per contrastare i tumori sul nascere.

Diagnosi oncologica precoce

I tumori sono il male del millennio e, purtroppo, si è abbassata di molto l’età d’insorgenza.

Diagnosticarli sul nascere è fondamentale per combatterli efficacemente e sconfiggerli prima che sia troppo tardi.

La ricerca continua ad andare avanti e a fare progressi in tal senso. Ne è la dimostrazione la Dott.ssa Patrizia Paterlini Brèchot, Biologa e docente di Biologia cellulare e molecolare in Francia dove con la sua equipe, attraverso una ricerca indipendente e non finanziata dalle industrie durata diversi anni, hanno messo a punto un esame rivoluzionario per la diagnosi oncologica precoce: la biopsia liquida.

Dott.ssa Patrizia Paterlini Brèchot diagnosi oncologica precoce

Dott.ssa Patrizia Paterlini Brèchot

 

Che cos’è la biopsia liquida

La biopsia liquida è una tecnica innovativa che consente di diagnosticare i tumori prima che la massa cancerogena sia formata e molto prima che abbia fatto metastasi.

Consiste in un semplice esame ematico, assolutamente non invasivo.

Vengono prelevati 10 ml sangue le cui cellule, divise da un’apposita macchina brevettata, vengono analizzate per trovare la presenza di cellule tumorali.

Si tratta, dunque, di un marcatore molto particolare che ci fa giocare d’anticipo: non viene cercata una molecola ma vengono individuate cellule tumorali prima che il tumore venga diagnosticato.

 Un primo passo unico al mondo in termini di diagnosi oncologica precoce.

Dove effettuare la biopsia liquida e i costi

Ad oggi, in Europa, il costo dell’esame è pari a 486 euro. Non pochi ma certamente nemmeno molti se si riflette sulla sua importanza e sulla portata rivoluzionaria per chi è o potrebbe essere affetto da cancro.

In Italia, per ora, questo esame viene effettuato solo presso il Centro SDN di Napoli ma l’idea è quella di estenderlo anche ad altre città e abbassare i costi.

Altri utilizzi della biopsia liquida

Questo esame, oltreché per una diagnosi oncologica precoce, viene applicato anche in gravidanza per isolare le cellule fetali al fine di analizzare il genoma e scoprire se il feto  è sano.

Inoltre può essere utilizzato anche per diagnosticare in anticipo molte malattie infiammatorie che possono degenerare causando gravi problemi di salute.

Come sottolinea la Dott.ssa Patrizia Paterlini Brèchot, la strada da compiere è ancora molta. L’obiettivo per il futuro, sempre al fine di una diagnosi oncologica precoce efficace, è arrivare a capire da quale organo hanno origine determinate cellule tumorali in modo da  mettere a punto i farmaci più appropriati per contrastare la patologia.

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.