Si può guarire dall’Ansia?

Da uno stato ansioso si può guarire?

Mauro Pepe, mental coach di www.vinciconlamente.it, in un suo video caricato su You Tube ci dice “no”. Ma lo fà con il sorriso, perchè è solo il termine ad essere sbagliato, non “il problema” senza soluzione…

Il punto focale si delinea in un concetto: l’ansia non è una malattia, ma uno stato emozionale. Pertanto non può essere guarita, ma può essere consapevolmente gestita e vinta.

In un video precedente ne ha parlato identificandola “un campanello d’allarme” che la nostra mente attiva per segnalarci una situazione di potenziale pericolo, renderci attenti ed evitare di soffrire. E’ una risposta emotiva a uno stimolo che ci arriva e ci scuote, una difesa istintiva che dovremmo solo imparare a gestire e non leggere come una condanna a cui essere geneticamente predestinati.

Continua a leggere

 

Ansia… come costruirla in 3 mosse

“Persino le mie ansie hanno l’ansia…” (Charlie Brown, in Charles M. Schulz, Peanuts)

 

IO SONO UNA PERSONA ANSIOSA. Quante volte l’abbiamo sentito dire?

E’ curioso rendersi conto di come ci si arrenda all’idea di essere “vittime predestinate” di uno stato emozionale.

Come se fossimo approdati a questo mondo con uno zaino di respiri corti, gli occhi sgranati e le mani sudate senza possibilità di fuga. Ma se così non fosse?

Continua a leggere

 

Combattere l’ansia o vincere l’ansia?

Sono sempre più numerose le persone che cercano soluzioni per “combattere l’ansia”. Soffrono e non sanno come alleviare questa sensazione che influisce negativamente sui loro risultati e sulla qualità della loro vita.

L’ansia e gli attacchi di panico sono tra i disturbi più comuni di questo giovane secolo. Infatti, aumenta sensibilmente la spesa farmaceutica di ansiolitici e anti-panico. Le cifre spese ogni anno tra USA e Europa superano il miliardo di dollari. Continua a leggere

 

Alimentazione e disturbi legati all’ansia (attacchi di panico) …… ci sono correlazioni? Parte 2

Con questo secondo articolo riprendiamo quanto già detto nel primo articolo in merito:

all’ alimentazione e disturbi legati all’ansia

 

Consumare molta frutta e verdura, frutta secca, semi, cereali INTEGRALI, mantenere un buon livello di idratazione (bere molta acqua), dividere i 3 pasti classici della giornata, in 5 / 6 piccoli pasti senza far passare più di tre ore da un pasto all’altro.

Più nelle specifico, consumare:

  • banane (ricchissime di tirosina e triptofano),
  • datteri,
  • mele,
  • mango,
  • mandorle secche/anacardi/noci secche e la frutta secca in generale molto ricca di magnesio (in particolare le mandorle secche),
  • così come l’alga agar agar (il magnesio è un minerale molto importante in grado di regolare la trasmissione nervosa, gli impulsi neuromuscolari, normalizzare l’attività dell’ipotalamo e ridurre l’eccesso di adrenalina),
  • erbe aromatiche come il basilico,
  • la salvia 
  • l’origano

sembrano avere un effetto calmante e rilassante, cereali integrali come: Continua a leggere

 

Alimentazione e disturbi legati all’ansia (attacchi di panico) …… ci sono correlazioni? Parte 1

“Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo”
(Ippocrate 470–377 A.C.)

 

Incominciamo col dire in breve in cosa consiste un attacco di panico, quali sono le cause, i sintomi ed infine ci concentreremo sul cibo e i potenziali effetti di prevenzione che può avere.

Un attacco di panico è un’alterazione della percezione della normale reazione della paura che viene interpretata dal corpo come un’improvvisa sensazione di intensa paura che si sviluppa senza una ragione apparente e che provoca serie reazioni fisiche. Più nello specifico, l’adrenalina (neurotrasmettitore) che viene fisiologicamente prodotta durante la condizione corporea denominata “lotta e fuga”, viene prodotta in quantità eccessiva a quella che dovrebbe essere: il risultato di questo alterato processo biochimico è un insieme di sgradevoli sensazioni debilitanti e soprattutto di un intollerabile livello di paura percepita.

A tutti può capitare durante il corso della vita di avere uno o due attacchi di panico, determinati da diversi fattori; tuttavia, se gli attacchi di panico sono frequenti o il soggetto percepisce un’intensa ansia riguardo la possibilità che l’episodio si possa ripetere, allora si parla di “DAP”, disturbo da attacchi di panico. Le cause non sono ad oggi ben identificate, tuttavia possiamo includere alcuni fattori: Continua a leggere