Perdere peso con l’aiuto dei fiori di Bach

Dott. Paolo Bianchini, Biologo Nutrizionista ed esperto di Alimentazione Vegan e Terapie Naturali

L’obesità è sempre più riconosciuta come la vera “piaga del III Millennio”, a fronte dei molteplici danni alla salute e del forte impatto che esercita sui costi della sanità pubblica. Basti pensare che le persone affette da obesità hanno un’aspettativa ridotta di vita ed anche la loro qualità della vita ne risente, a tutte le età: sbeffeggiamenti, insulti, bullismo, ghettizzazione, sono parte della vita di queste persone che reagiscono colmando il loro vuoto dell’anima con il cibo e l’addome smisurato diventa una difesa contro gli insulti dell’esterno per poterli tenere lontani da sé.

Tutto ciò implica un vero e profondo disagio dell’anima della persona che affonda le radici anche nella storia personale dell’individuo. Approcciarsi dal punto di vista terapeutico a queste situazioni richiede grande umiltà e rispetto, alla ricerca di soluzioni il più possibile efficaci e delicate nella gestione del problema, in modo da non permettere la rottura dell’equilibrio psicologico della persona, già messo alla prova dal regime alimentare che si sceglie di seguire (sotto la guida di uno Specialista in Nutrizione Umana, ovviamente).

Recentemente, mi è capitato un caso che ha del sensazionale. I miei piani alimentari prevedono una perdita media di 4-6 Kg nel primo mese e poi una perdita costante di 1 Kg/mese. La signora Lorella (nome di fantasia) mi ha chiesto un intervento basato sull’alimentazione vegana, così le ho preparato uno schema alimentare vegan moderatamente ipocalorico. Dal colloquio sono emersi importanti blocchi emozionali che, secondo me, le hanno impedito la piena riuscita in passato di altri interventi dietologici. Così, le ho dato i fiori di Bach specifici per il superamento di questi blocchi emozionali per raggiungere, finalmente, lo stato di benessere che cerca e che merita. La Signora ha perso ben 8 Kg in soli 18 giorni, senza soffrire la fame, senza crisi ipoglicemiche né cali pressori, né emicranie né altri fenomeni di malessere che possono accompagnare una perdita di peso importante. Questo è un esempio mirabile di quanto la mente condiziona il corpo e lo blocca in uno stato “malato”.

La storia

Il papà naturale di Lorella decide, quando la piccola ha solo 7 mesi, di lasciare la famiglia. La mamma trova un altro compagno con il quale avrà altri figli e che per Lorella assume il ruolo di padre. Tuttavia, non lo sente molto espansivo come desidererebbe ma, nonostante questo, è lei a prendersene cura maggiormente, tanto che lui stesso afferma che “se dovessi sentirmi male sono sicuro che la prima a correre sarebbe Lorella”.

La sua vita di relazione è costellata di storie infelici, ma una di queste le porta una grande gioia, sua figlia. I tanti compagni sbagliati, l’abbandono del padre biologico e la freddezza del padre acquisito le fanno sviluppare una vera paura per gli uomini. Così, riempie il suo vuoto con il cibo che la porta ad entrare ufficialmente nell’obesità. Ovviamente, non si piace e quindi fa fatica a spogliarsi, quindi la sua vita sessuale ne risente, il che implica un ulteriore peggioramento della relazione con gli uomini e con se stessa.

Come funzionano i fiori di Bach

Cercando nella letteratura scientifica ufficiale i perché del successo della Floriterapia di Bach si giunge solo ad affermazioni di diniego di tale successo. Viene detto che in quelle soluzioni non esistono principi attivi e che il frutto delle “guarigioni” dipende dall’effetto placebo (che, effettivamente, guarisce 1 persona su 3).

È vero: i fiori di Bach non presentano principi attivi di tipo biochimico. Non funzionano, cioè, come i farmaci. Funzionano, invece, con un principio attivo di tipo biofisico. Sappiamo tutti che gli atomi vibrano con una certa frequenza. Secondo la Floriterapia, la malattia si sviluppa come conseguenza dell’errata frequenza di vibrazione degli atomi che ci costituiscono. Questo si concretizza in numerosi quadri di malessere: dalla depressione, all’ansia, a vari tipi di paure, ma, senza necessariamente cadere nel patologico, si manifestano i lati negativi del nostro carattere che sono quelli che causano gli scontri quotidiani (piccoli e grandi) che caratterizzano la nostra vita.

Tengo a precisare che i fiori di Bach non vogliono sostituirsi alle terapie convenzionali né ostacolarle, ma anzi lo scopo della Floriterapia è ridurre i tempi (e i costi) degli interventi di psicoterapia, gli effetti collaterali negativi dei farmaci, di ridurne le dosi migliorando la risposta della persona e accompagnarla più rapidamente verso la risoluzione della problematica.

Poiché ogni fiore corrisponde ad una personalità precisa che si manifesta (in genere) nel suo lato negativo, è una terapia estremamente personalizzata e personalizzabile,

quindi davvero mirata al cuore del problema dell’individuo. Non esistono quindi fiori contro l’obesità (o per qualsiasi altra condizione generica) che vadano bene per chiunque, ma la risposta clamorosa di questo caso è di questo caso, e testimonia come, se scelti correttamente per la persona, i rimedi floreali di Bach possono rappresentare un aiuto straordinario al raggiungimento e al mantenimento dello stato di benessere pieno della persona.

Infine, lavorando sui nostri lati negativi del nostro carattere, rappresentano un eccezionale strumento di crescita personale.

I fiori di Bach e gli altri integratori nel caso di Lorella

Non sono stati i fiori di Bach a far dimagrire così clamorosamente Lorella. Non soltanto. È stata la combinazione dei fiori scelti per lei che si sono dimostrati profondamente giusti, assieme alla contemporanea presenza di una dieta vegana (nel pieno rispetto dei principi etici della Signora, e che quindi ha contribuito a distendere ulteriori conflitti tra lei e il mondo esterno che ci vuole tutti “onnivori”) equilibrata, moderatamente ipocalorica, accompagnata dalle corrette integrazioni nutrizionali. La Floriterapia le è servita a sbloccare le sue paure che le impedivano di dimagrire. Il sovrappeso rappresentava un modo per tenere lontano gli uomini, ora che ha eliminato questi blocchi il suo corpo ha reagito eliminando le distanze verso gli altri, rendendosi così disponibile a nuovi incontri.

Il regime alimentare è risultato gradevole di gusto e aspetto, completo dal punto di vista nutrizionale e ha soddisfatto i valori etici della Signora. Le sta permettendo di tornare ad una piena attività fisica, in modo da aumentare ulteriormente il consumo energetico e procedere così senza intoppi lungo la via del corretto dimagrimento e poi del mantenimento del peso perso.

Tra le integrazioni nutrizionali fondamentali nella lotta al sovrappeso/obesità annoveriamo i probiotici, i batteri che vivono nell’intestino. Questi esercitano una molteplicità di ruoli importanti per la nostra salute, perché:

  •  Digeriscono le fibre vegetali, migliorando la sintomatologia del gonfiore addominale;
  •  Modulano correttamente il sistema immunitario, contribuendo a risolvere problematiche acute (es. influenza), ma anche croniche, come allergie e intolleranze alimentari, malattie autoimmuni ecc.;
  • Contribuiscono al miglioramento del tono dell’umore;
  •  Contribuiscono al corretto dimagrimento, perché influenzano direttamente l’organo adiposo;
  • Sintetizzano importanti vitamine, utili al metabolismo energetico dell’organismo.

Tutti questi elementi hanno fatto sì che la vita di Lorella cambiasse. Ma prima di ogni rimedio, prima del mio stesso intervento, Lorella deve un ringraziamento profondo a se stessa, poiché senza la sua volontà, la sua determinazione e la sua costanza, l’immensa soddisfazione di cui vi sto raccontando non ci sarebbe stata. Ognuno è artefice del proprio benessere, io come terapeuta cerco solo di portarvi ad utilizzare al meglio i tanti strumenti delle terapie naturali perché possiate essere gli artefici della vostra felicità suprema.

dott-paolo-bianchini

 

Dott. Paolo Bianchini (autore dell’articolo)

Biologo Nutrizionista ed esperto di Alimentazione Vegan e Terapie Naturali

www.bianchinidottpaolo.com

paolobianchininutrizionista@outlook.it

 

Commenti

commenti

2 commenti

  • Paolo Bianchini

    Buongiorno! Come ho scritto, la risposta della Signora è assolutamente personale. I fiori che ho scelto per lei sono relativi al suo caso, ma non c’entrano con l’obesità, che è solo una condizione esterna (si pensi al fuore dei traumi Star of Bethlehem). La cosa migliore non è copiate ciò che ha fatto Lorella, ma discutere il suo caso personale con la dovuta attenzione in privato. L’aspetto!

     
  • marianna nacca

    Quali fiori ha usato dottore? Grazie

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *