LA PURIFICAZIONE DELL’ISOLAMENTO

Tagliarsi fuori dal mondo circostante è certamente una scelta radicale ma i suoi benefici sono indiscutibili, soprattutto in un’epoca come la nostra in cui si è quotidianamente bombardati da una miriade di stimoli contrastanti.

Non si sta ora consigliando di andare di punto in bianco ad isolarsi per tutta la vita in un eremo sull’Himalaya, si sta soltanto suggerendo di trascorrere una mattinata od un pomeriggio in solitudine avendo spento computer, televisione e telefono cellulare. Il meglio sarebbe ovviamente trovare delle persone egualmente motivate che possano stare con noi in questi momenti di volontario isolamento, in loro mancanza, si opti per la solitudine ed il silenzio. Si evitino anche riviste o giornali, si deve all’inizio provare scegliendo una musica dolce e rilassante che ci accompagni in questa breve forma di purificazione la quale potrà venire gradualmente estesa fino ad occupare una giornata completa od addirittura un weekend intero.

Apparentemente molto facile, questa pratica di fatto non lo è per tutti a causa della forte dipendenza che molte persone, soprattutto tra i giovani, hanno oggi sviluppato nei confronti di questi mass media. Si deve tenere presente che almeno due terzi dei messaggi che riceviamo al di fuori di contesti lavorativi sono superflui; anche gran parte delle notizie che ci giungono attraverso Internet non ha una diretta importanza per noi che non possiamo fare nulla per mutare le situazioni da cui esse derivano. Inoltre, ascoltare continuamente notizie di omicidi, stupri e rapine od assistere a sterili dibattiti televisivi non aiuta certo a mantenere la mente serena!

È invece garantito che dopo avere ripetuto due o tre volte questi brevi periodi di isolamento si gusterà una nuova sensazione di freschezza e tranquillità che farà sentire i suoi benefici in tutti gli aspetti della nostra vita quotidiana.

 

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *